Progressio - 7 Marzo 2018

Progressio - 7 Marzo 2018

Milano, 7 marzo 2018 — Save the Duck, il primo marchio di piumini 100% animal free, vara il piano triennale di crescita e annuncia il nuovo assetto societario. Ad acquisire la maggioranza della società guidata da Nicolas Bargi, terza generazione di imprenditori nel tessile attraverso l’azienda di famiglia Forest, è stata Progressio Sgr con il fondo Progressio Investimenti III. Mentre Marina Salamon, finora titolare del 51% delle quote attraverso Alchimia Spa, e sostenitrice sin dalle prime ore del brand che solo nel 2017 ha salvato oltre 3 milioni di oche, esce dall’azionariato. Ma promette: «Continuerò a supportare l’azienda di cui sono prima di tutto una grande fan». E non potrebbe essere altrimenti: Salamon è stata per oltre dieci anni consigliere internazionale del WWF con delega per la gestione del patrimonio, del personale e della finanza. Proprio in occasione del 50esimo anniversario del WWF Italia Save The Duck ha realizzato una collezione inedita: 50 capi per 50 animali in via d’estinzione. Resta al timone dell’azienda Nicolas Bargi, che ha ideato il marchio nel 2011 partendo dalle sue stesse convinzioni etiche. E, anzi, re-investe. «Perché» assicura «abbiamo tutte le carte in regola per imporre il nostro “papero che fischietta” su scala internazionale». Mentre Filippo Gaggini, managing director di Progressio Sgr e vera anima dell’operazione, è categorico: «In tre anni raddoppieremo il fatturato». E chiarisce: «Save the Duck rappresenta esattamente il tipo di target su cui puntiamo: una eccellenza italiana, guidata da un imprenditore con doti fuori dal comune, con una crescita unica e una capacità senza pari di incrementare la propria presenza su scala mondiale».

Our Nature

Save The Duck DNA

La nostra storia, i nostri valori.

Sostenibilità

Il nostro impegno per un mondo più sostenibile.

Materiali

La tecnologia alla base delle nostre collezioni.